Il nutrizionista: lavoro sempre più richiesto

Quella del nutrizionista è una professione molto in voga soprattutto negli ultimi anni, dove pensare al fisico non è solo un fattore estetico ma sempre di più un discorso legato alla salute e alla psiche. Tuttavia, in una società basata molto sull’esteriorità, avere un bel corpo non è soltanto sinonimo di fascino e attrazione, ma anche di benessere interiore. Ecco perché la figura del nutrizionista sta trovando largo spazio i vari settori e a vari ceti sociali, diffondendosi moltissimo anche fra i bambini.
Chi è e cosa fa è abbastanza facile da immaginare, ma come si diventa nutrizionisti e perchè si svolge questo mestiere è importante da definire.

Svolgere la professione di nutrizionista significa aver svolto per almeno 5 anni un percorso di studio finalizzato alla comprensione di tutto ciò che regola l’alimentazione dell’uomo. In particolare, avere conoscenze nel settore nutrizionale vuol dire essere in grado di personalizzare le diete e sia consigliare  quali cibi evitare per sentirsi meglio, a seconda della specifica condizione di salute del soggetto.

Alimentazione e bambini: l’importanza di mangiare bene sin da piccoli

Per questi ultimi va fatto un discorso a parte. La corretta alimentazione per i bambini e gli adolescenti è fondamentale per tutta la loro crescita futura. Troppo spesso abbiamo a che fare con problemi legati all’obesità infantile, dove alla base oltre ad un fattore genetico c’è anche una cattiva gestione dei pasti (troppi grassi, troppi zuccheri, troppi snack salati) e poco movimento fisico.
Pertanto la figura del nutrizionista potrebbe essere di grande aiuto per insegnare ai bambini/ragazzi e le loro famiglie quanto sia importante mangiare bene e magari seguire le regole previste dalla Piramide alimentare per bambini, basata sulla dieta mediterranea.
Ma chi è in realtà il nutrizionista? E come si fa a diventare tale?
Il nutrizionista è quel professionista che a seguito di un particolare corso di studi può prestare la sua opera nell’ambito della nutrizione, elaborando diete ed educando all’alimentazione sana sia i singoli che i gruppi.

Ad esempio un nutrizionista potrebbe fare interventi nelle scuole ed insegnare agli studenti a mangiare in maniera sana ed equilibrata; può trovare impiego nelle ASL per fare statistiche alimentari o nelle cliniche e ancora nel settore privato come professionista autonomo, aprendosi uno studio privato. In ogni caso, qualsiasi sia il suo ambito di impiego, chi si occupa di nutrizione, specie se finalizzata alla crescita dei bambini, è attualmente fra le più ricercate nel mondo del lavoro . Essendo specializzato in cibo, non avrà difficoltà a suggerire, a seguito di approfonditi controlli, che cosa è più giusto mangiare e se è presente qualche eventuale intolleranza nel soggetto. Chi è specializzato in nutrizione svolge un ruolo fondamentale sulla salute delle persone, potendo aiutare ad esempio un paziente a convivere con malattie come il diabete, indicandogli un menù adatto al suo problema e programmandogli un piano alimentare da rispettare.

Vuoi diventare un nutrizionista? Ecco cosa fare

In Italia la figura professionale del nutrizionista è ancora molto in discussione. C’è chi sostiene che per diventare nutrizionista bisogna necessariamente essere un medico o un biologo, ma in realtà esistono diversi corsi universitari di Scienze della Nutrizione che  seguito del superamento dell’esame di Stato e dell’iscrizione all’albo dei nutrizionisti, conferiscono il titolo per poter praticare. Tuttavia per mantenersi aggiornati è opportuno conseguire dei master o corsi di formazione post-laurea.
Da non confondere il nutrizionista con il dietologo o il dietista che in realtà è un professionista, legato ad un altro ambito.
Le principali differenze tra questi 2 lavori:

1. Il dietologo è una figura professionale molto più completa e si tratta di un medico con specializzazione in dietologia;
2. Il dietista è in realtà un tecnico dell’alimentazione, che comunque deve sottostare al parere del medico per poter effettuare una diagnosi e indicare una specifica cura alimentare.

Per sintetizzare il concetto, il nutrizionista che non è un medico, è in realtà un consulente dell’alimentazione, che può trovare spazio in diversi ambiti pubblici e privati, ma senza dover e poter fare diagnosi o prognosi sulle eventuali patologie legate alla nutrizione.
Esistono anche delle qualità essenziali da sviluppare per aver successo in questo ambito. Tra le caratteristiche più richieste troviamo:

  • la precisione,
  • la professionalità
  • l’essere sempre aggiornato (frequenza nei convegni sul cibo e la dieta mediterranea).

Costi di un nutrizionista

La visita da un nutrizionista ha comunque un costo che in alcuni caso può essere più o meno elevato. Quanto costa il servizio dipenderà dalla fama del professionista e anche dal numero di sedute che poi si andranno a fare. Di conseguenza il prezzo complessivo può variare anche di molto. Chi si occupa di far dimagrire i personaggi dello spettacolo, può guadagnare anche 500 euro all’ora, senza difficoltà.
In media, la prima visita ha un costo intorno agli 80/90 euro, mentre le successive visite di controllo si aggirano intorno ai 40/50 euro. Tali spese sono detraibili (con fattura) e non richiedono la prescrizione medica.
Cosa aspettarsi da una visita dal nutrizionista?
Nella maggioranza dei casi, la prima visita dura circa 50/60 minuti e viene fatta una anamnesi generale delle abitudini alimentari della persona; vengono poi eseguite delle valutazioni antropometriche (altezza, peso e misure) e un controllo della composizione corporea del paziente.

Viene poi indicata una dieta alimentare basata sulla corretta alimentazione e se abbiamo a che fare con un professionista serio, allora eviterà di prescrivervi integratori o farmaci.
Le successive visite di controllo, di norma fatte dopo 4 settimane, serviranno solo per valutare l’efficacia del nuovo piano alimentare o le eventuali difficoltà che il paziente incontra. A seconda dei risultati raggiunti e di come risponde l’organismo, nel corso del tempo potrà essere fatta qualche modifica al regime alimentare e introdotto o escluso qualche cibo.

Chi può rivolgersi al nutrizionista?

corretta nutrizione

Non ci sono in questo senso particolari categorie, infatti dal nutrizionista possono andare:
1. Persone con problemi di obesità;
2. Sportivi per mantenere il peso forma ideale,
3. Donne in gravidanza per evitare di assumere troppo peso;
4. Persone con problemi di colesterolo alto;
5. Persone affette da malattie gastrointestinali e gastroesofagee, morbo di Crohn, con difficoltà digestive, ecc…
6. Soggetti che vogliono solo perdere qualche chilo di troppo oppure migliorare la loro alimentazione;
7. Bambini e comunità infantili, per insegnare loro il modo giusto per alimentarsi.
8. Ragazze con ovaio policistico

In virtù di tutte queste competenze, i nutrizionisti possono svolgere anche il ruolo di personal training ed aiutare i culturisti che praticano body building a compiere enormi sforzi fisici, senza evidenziare mancanze alimentari di alcun tipo. Allo stesso modo, il campo di competenza di questi signori è tale da affiancare anche gli attori quando, per ragioni cinematografiche, sono costretti a perdere tantissimi chili, o ingrassare, in periodi molto rapidi. Pensiamo ad esempio a Robert De Niro che per essere più credibile, interpretando il pugile Jack LaMotta in “Toro Scatenato”, è dovuto ingrassare di quasi 30 chilogrammi in poco tempo.

Tre nutrizionisti famosi a confronto

Quando parliamo di nutrizionisti famosi (soprattutto per le tante apparizioni in tv) non possiamo non menzionare:
Valter Longo, diventato noto per aver proposto la dieta minima del digiuno, che va mantenuta solo per 5 giorni, di tanto in tanto. Secondo il nutrizionista, fare dei piccoli periodi di digiuno aiuterebbe l’organismo a rigenerarsi e quindi a farci vivere più a lungo, oltre che a farci perdere peso.
Valdo Vaccaro, noto nutrizionista per aver coniato la teoria dell’alimentazione naturale.
Alberico Lemme, famosissimo per essere diventato il nutrizionista delle star della tv.
Scegliere il nutrizionista che fa per te
Ma come fare a cercare un nutrizionista bravo e affidabile? Oggi, sul mercato ce ne sono tanti che fanno questa professione, ma se anche tu hai bisogno di una figura seria a cui affidarti, il mondo di internet, può esserti d’aiuto. Troverai infatti tantissime recensioni e consigli utili, anche se ciò che davvero conta è il passaparola. Chiedi sempre ad un amico, ad un parente, ad un conoscente, la sua opinione, insomma a chi si è già rivolto al nutrizionista e può darti un suggerimento in merito.

In conclusione: se hai bisogno di perdere qualche chilo, o anche soltanto modificare il tuo stile di vita, non esitare a rivolgerti al nutrizionista, che potrà sicuramente aiutarti a stare bene, non solo a livello fisico ma anche mentale.
L’importante è non affidarti a caso, ma valutare attentamente il professionista sula base delle sue competenze e anche della fiducia che saprà ispirarti e ai giudizi di chi si è già rivolto a lui.
Non lasciatevi ingannare, guardando solo le classiche foto “prima” e “dopo”, perchè con i programmi di foto ritocco oggi è possibile falsificare facilmente l’apparenza fisica di chi intraprende una dieta, fingendo che un soggetto sia dimagrito più del dovuto.

Comments are closed.