Diete da 1400 calorie prima dell’estate

Più volte, nell’arco della vita, capita di volersi mettere a dieta per perdere peso o semplicemente per ritrovare la forma fisica perduta e tanto desiderata. Le diete a cui si può decidere di far riferimento sono davvero molto numerose ed è per questa ragione che diviene opportuno capire quale sia quella più adatta al proprio fisico.

Qual è una dieta ipercalorica
Dieta quotidiana o settimanale ?
Mangiare meno a colazione
Mangiare meno a pranzo e cena

Tra le tante proposte esiste la dieta da 1400 calorie, sulla cui effettiva funzione si interrogano in molti.

Questa dieta basta per perdere peso?

La prima cosa da sapere è che si tratta di una dieta non eccessivamente rigorosa ma neanche blanda e che per tale ragione non è indicata per tutti ma è adatta solamente a soggetti dalla corporatura non eccessivamente robusta.

Un altro elemento importante da conoscere nel momento in cui si decide di fare una dieta è che i suoi effetti non saranno gli stessi su tutti. Il problema del metabolismo lento, ad esempio, è tale per cui alcuni debbano fare più rinunce rispetto ad altri avendo talvolta dei risultati che tardano ad arrivare. Anche la tiroide e l’ormone tiroideo hanno forte incidenza. Una tiroide piuttosto svogliata, fenomeno scientificamente conosciuto come ipotiroidismo, può comportare problemi nel rapporto con la dieta.

Qualunque dietologo o esperto in ambito alimentare che consiglia una dieta da 1400 calorie parte sempre dal presupposto che contare le calorie resta il segreto per dimagrire. La tesi sostenuta è che se un soggetto si focalizza sugli alimenti piuttosto che sulle calorie in essi contenute, non riesce ad ottenere gli stessi risultati.

cibi da 1400 calorie

Una dieta che possa dirsi davvero corretta deve essere equilibrata e rispettare la piramide alimentare. Che cosa si intende? Si tratta in forma pratica di un grafico che è stato ideato perché le persone possano capire quale sia il tipo di alimentazione più sana e corretta. Il rispetto della piramide alimentare, quindi, significa che ad esempio non è corretto togliere del tutto alcuni principi nutritivi come le proteine.

Un’altra domanda che ci si pone è se 1400 calorie siano troppe o troppo poche. Ovviamente una risposta corretta non esiste in quanto la quantità di calorie ingerite dovrebbe dipendere e variare in base al singolo soggetto. In generale, comunque, già 1200 calorie iniziano ad essere piuttosto poche se si parte dal presupposto che in una dieta non bisogna fare la fame.

Vi sono anche soggetti che seguono una dieta da 2000 calore. Di chi si tratta? Chi ne ha la necessità? Questo tipo di regime alimentare può essere utilizzato per persone che abbiano una certa corporatura o comunque per soggetti particolarmente sportivi che, avendo una vita attiva, bruciano quotidianamente un numero molto elevato di calorie.

Una dieta di 1400 calorie è tanto dimagrante quanto ipocalorica.

Che cosa si intende per dieta ipocalorica?

Si tratta di un particolare tipo di regime alimentare volto ad apportare quotidianamente un numero di calorie inferiori a quelle richieste dall’organismo.
Si può seguire la dieta mediterranea e dimagrire? Prima di tutto è importante sapere che per dieta mediterranea si intende un modello nutrizionale tipico dei paesi italiani. La risposta alla domanda è ovviamente affermativa e si può dire che seguendo correttamente la dieta mediterranea sia possibile dimagrire.

Nella dieta mediterranea, ovviamente, sono contemplati anche latticini e formaggi. Come formaggio va bene la Jocca o ci sono formaggi più magri? Una porzione di Jocca contiene circa 97 calorie. E’ un formaggio fresco particolarmente indicato per chi decida di mettersi a dieta.

Una dieta da 1400 calorie è basata anche sulla presenza di un menù settimanale. Innanzitutto una dieta da 1400 calore prevede oltre alla colazione, al pranzo ed alla cena anche due spuntini da fare nell’arco della giornata.

Un esempio di menù settimanale adatto ad una dieta da 1400 calore potrebbe essere latte scremato con cereali integrali a colazione, uno spuntino a metà mattina con yogurt magro, pranzo a base di carboidrati, un secondo spuntino pomeridiano con un frutto e la cena a base di proteine.

Tra gli alimenti consigliati vi sono il petto di pollo, l’insalata che è ottimale in quanto riempie lo stomaco ma non fa ingrassare. La pasta, ad esempio, andrebbe tolta e sostituita con alimenti come carote e zucchine. Per quanto riguarda l’uso dell’olio extravergine di oliva è bene sapere che è consentito ma non bisogna eccederne in quanto particolarmente ricco di grassi. Molto consigliato è l’olio Evo.

Naturalmente la corretta alimentazione da seguire cambia anche a seconda che il soggetto sia uomo oppure donna. Il metabolismo maschile e femminile sono estremamente differenti anche a causa dei diversi tassi ormonali ed è per questa ragione che nella programma di una dieta che sia davvero personale bisogna assolutamente tenerne conto.

sandali estivi e mare

Una dieta come quella di cui stiamo parlando può essere considerata come un elemento di risposta alle necessità tipicamente estive come l’importanza di poter mostrare un corpo che sia in perfetta forma o, in qualche caso, anche l’eccessivo caldo. Anche dal punto di vista della salute, quando ad esempio sentiamo un eccessivo aumento di affanno, diviene necessario correre ai ripari.

Tra le diete esiste anche la dieta sgonfia pancia e fianchi. Naturalmente è sempre importante sapere che la dieta deve essere sempre associata ad una corretta e frequente attività fisica.

Necessari, quindi, sono anche alcuni esercizi fisici. Quali sono i migliori esercizi per ridurre il girovita? Lo yoga, con il suo esercizio del diamante, è molto consigliato. Allo stesso modo risultano essere molto utili la rotazione, l’hawaiana o i plank.

La dieta dimagrante è meglio quotidiana o settimanale?

Ovviamente nella settimana risulta più facile gestirsi ma è sempre meglio ingerire 1400 calorie al giorno a livelli di valori, che ripartirne settimanalmente 9800. La dieta giorno per giorno, dal canto suo, permette anche un confronto più diretto soprattutto se tenuta ogni giorno sott’occhio e se messa per iscritto.

Esistono delle ricette e delle idee per cucinare anche per i più pigri. I più pigri, ad esempio, potranno mangiare del pollo alla piastra con un’insalata di cetrioli o pomodori o, quando è il turno dei carboidrati, della pasta integrale cotta in acqua senza sale e condita con delle zucchine.

Un menù settimanale estivo dovrebbe invece assumere un altro volto arricchendosi di piatti freddi ed eliminando il più possibile quelli caldi. Un ottimo consiglio, ad esempio, potrebbe essere una caprese di mozzarella leggera e pomodori.

Cosa mangiare a colazione?

La colazione è sempre il pasto più importante in quanto serve ad apportare le energie necessarie per affrontare la giornata. La regola principale è non saltarla mai e mangiare sempre abbondantemente con latte scremato, cereali o fette biscottate integrali ed uno yogurt magrissimo. Vanno evitati invece cibi come caffè o crema di caffè.

Se si vuole dolcificare il latte il miele è maggiormente consigliato rispetto allo zucchero raffinato. Consigliatissima è anche la frutta anche se è importante prestare attenzione alle kcal della banana sbucciata. Ottimo da assumere, soprattutto di prima mattina, è il succo di limone la cui funzione è quella di contribuire a purificare l’intestino dalle scorie in eccesso.

Meglio meno calorie a pranzo o a cena?

Naturalmente sono maggiormente consigliate cene ipocaloriche in quanto il metabolismo è più lento nelle ore serali rispetto a quelle diurne, seguite da attività fisica e cerebrale. Quando si decide di raggiungere il proprio peso ideale è importante prestare attenzione alle tentazioni. Il peso forma, infatti, non guarda assolutamente alle abbondanti cene a casa di quegli amici che cucinano molto.

 

Comments are closed.